“Stai colmo!
Questo mi sono detto nel fare voto di vastità, scavando il fosse, usando il confine tra sogno e bisogno (l’incubo è confonderli). Come un intimatore di alt, come un battitore di ciglia che mette all’asta gli apostrofi delle palpebre, come l’inventore del cuscino anticalvizie o del transatlantico anti agressione, come chi è posseduto da sciamanesimo estatico, a suon di decibellezze da scorticanto, come giaguaro che diventa uno degli animali più lenti se in ascensore e come lumaca che diventa uno dei più veloci se in aereo, così tra tellurico e onirico, tra lo scoppio delle alte cariche dello stato (delle cose), tra me e me, in uno spazio da antipodi, in un limbo dell’imparadiso (infermo di mente piu’ che fermo di mente), ho avuto un sentore: urge.”

Alessandro Bergonzoni nasce a Bologna nel 1958. Artista, attore, autore, scrittore.
Quattordici spettacoli teatrali al suo attivo, da “Scemeggiata” del 1982 a “Nessi” nel 2015, passando per “Non è morto nè Flic nè Floc” (1987) con cui ha la menzione speciale del premio IDI 1998, “Madornale 33”, “Nel” (2007) e “Urge” (2010). Tra i suoi libri ricordiamo “Le Balene Restino Sedute” (Mondadori 1989), Palma D’Oro 1990 di Bordighera come miglior libro comico dell’anno e che darà vita l’anno successivo all’omonimo spettacolo, “Il Grande Fermo e i suoi piccoli andirivieni” (Garzanti 1995), “Opplero. Storia di un salto” (Garzanti 1999), “Non ardo dal desiderio di diventare uomo finché posso essere anche donna bambino animale o cosa” (Bompiani 2005),  “Bastasse Grondare” (Scheiwiller 2009). Nel 2013 pubblica “L’amorte” (Garzanti) il suo primo libro di poesia.Intensa e continua la sua collaborazione con radio e giornali, attualmente tiene una rubrica sul Venerdì di Repubblica dal titolo “Aprimi Cielo”, dal 2005 si avvicina anche al mondo dell’arte esponendo in varie gallerie e musei italiani. Da sempre unisce al suo percorso artistico un’interesse profondo per i temi legati al coma, alla malattia, e al mondo carcerario, tenendo su questi argomenti incontri in vari ambiti. Ha vinto il Premio UBU nel 2009 come migliore interprete maschile nel teatro italiano, il premio Hystrio nel 2008 e il Premio della Critica dell’associazione nazionale critici di teatro nel 2004/2005. Attualmente ha appena concluso il tour del suo ultimo spettacolo “Nessi”.

www.alessandrobergonzoni.it

L’arte dell’inclassificabile

Alessandro BERGONZONI dialoga con Carlo DE PANFILIS

modera Paola BOLGIANI

Clicca sul pulsante ► per ascolatare l’intervento