a cura di L. Biondi e E. Radi, 2013

Dedicato al Seminario X di J. Lacan “L’angoscia”, tenuto negli anni 1962-1963, questo è il terzo volume della collana promossa dall’Antenna del Campo freudiano di Rimini.

Il concetto di angoscia è quanto mai pertinente all’attualità del vivere di ciascuno. Oggi, in un tempo in cui Godere è un imperativo, ogni campo è tanto mobilitato a negare fino a neutralizzare questo affetto, da mortificarsi nel mare degli oggetti di consumo. Lacan, proprio nell’affrontare il problema dell’angoscia, ne coglie il suo aspetto positivo: essa è la via privilegiata per accedere al reale, a quell’al di là del significante che si fa “resto”: egli lo chiama oggetto a. L’oggetto che causa il desiderio. Ecco, dunque, di nuovo, ma con una nuova lettura, il tema della sessualità, della sessualità femminile e maschile. Cosa infatti angoscia più l’uomo di una donna che desideri e la donna un vero desiderio dell’uomo? Ognuno filtra l’esistenza attraverso il proprio fantasma ed il fantasma mostra l’Altro sesso in un punto singolare, insegna Lacan.

Le lezioni tenute da Miquel Bassols, Rosa Elena Manzetti, Pierre Skriabine, a commento del testo nell’anno accademico 2006-2007, aprono alla lettura del Seminario.

Nella seconda parte i contributi della nostra comunità di lavoro sul tema.

A concludere il volume la postfazione di Antonio Di Ciaccia, curatore dell’edizione italiana del seminario, pubblicato da Einaudi nel 2007 e che in quell’occasione ne ha fatto, a Rimini, una memorabile presentazione.

Segue Contributi, sezione del libro contenente sintetici e specifici approfondimenti di O. Battisti, M. Matteoni, M. A. Del Monaco, G. Pazzaglia, P. Indulgenza, L. Biondi.

La Postfazione, con Amore domanda amore… Encore e Lacan, traduttore di A. Di Ciaccia, costituisce un’après-coup del libro. Un volume da leggere come contrappunto ai saperi e alla doxa prodotti nei nostri giorni.