a cura di A. Del Monaco e M. Matteoni

È possibile costituire un discorso che non abbia origine dal sembiante ma dal reale? È la questione interrogata da Lacan nel Seminario XVIIIDi un discorso che non sarebbe del sembiante, di cui questo volume riunisce le lezioni di commento al testo che si sono tenute all’Antenna di Rimini, nell’anno accademico 2010/2011.

Il Seminario XVIII, del 1971, rappresenta, nell’insegnamento di Lacan, uno di quei momenti particolarmente fecondi e fondativi, in quanto la ricerca in cui Lacan avanza – sia riguardo alla singolarità del godimento femminile che alla funzione della scrittura – precede e prepara la svolta che troverà il suo punto di conclusione logica, due anni dopo, nel Seminario XX.Ancora.

Un rilancio dell’interrogativo iniziale lo si troverà nella lezione, bellissima e preziosa, su Lituraterra dove Lacan delimita i rapporti fra il significante, il godimento e la scrittura; egli differenzia il significante, che è dell’ordine del sembiante, dalla lettera che è ciò che resta, nel reale, della rottura del sembiante e che viene a costituire il bordo, il litorale tra godimento e sapere. È possibile, dunque, costituire un discorso che non si origini dal sembiante ma dal litorale, dalla lettera? Lacan chiamerà, qui, in causa la letteratura d’avanguardia.

Nel volume, troverete raccolti l’illuminante postfazione di Antonio Di Ciaccia, curatore dell’edizione italiana del Seminario, pubblicato da Einaudi nel 2010; le lezioni magistrali tenute da Luisella Brusa, Jean-Louis Gault,Carole Dewambrechies-La Sagna,Massimo Termini edEsthela Solano-Suarez e i contributi redatti da docenti e partecipanti all’Antenna. Inoltre, nella Ouverture pubblichiamo la trascrizione della tavola rotonda organizzata per la presentazione del volume Quando la psicoanalisi scende dal lettino, curato da Massimo Termini e, nella sezione Al giorno d’oggi, le due conferenze tenute da Jean-Louis Gault e Esthela Solano-Suarez su temi di grande attualità.

Indice del volume:

Introduzione di Loretta Biondi
Ouverture
Quando la psicanalisi scende dal lettino
Tavola rotonda: Massimo Termini, Domenico Cimino, Omar Battisti, Emanuela Radi, Pierangela Pari, Daniela Cornacchia
Commento al testo
Lezione I di Luisella Brusa
Lezione II di Jean-Luis Gault
Lezione III di Carole Dewambrechies-La Sagna
Lezione IV di Massimo Termini
Lezione V di Esthela Solano-Suarez
Al giorno d’oggi
Je t’aime… moi non plus. Uomini e donne secondo Lacan di Jean-Louis Gault
Fra gli  uomini e le donne, perché le cose non vanno di Esthela Solano-Suarez
Contributi
L’uomo e la donna sul confine dell’espressionismo di Marianna Matteoni
Lo spostamento de la Lettera-rubata in Lacan di m. Antonella del Monaco
Bambini, sapere, sembianti di Loretta Biondi
Postfazione
In occasione della pubblicazione in traduzione italiana del Seminario di Jacques Lacan
Di un discorso che non sarebbe del sembiante di Antonio di Ciaccia