Barbara Aramini, Roma

_______

“Nel parlare quest’anno prenderò le cose per il verso dell’identità di sé a sé. La questione è di sapere se ciò si applica all’analista. L’analista può essere considerato come un elemento? Detto in altro modo egli può “fare insieme”? “Fare insieme, proverò a spiegarvelo, non vuol dire fare sindacato. Sono due termini diversi. “Fare insieme” vuol dire poter fare serie. E ciò su cui m’interrogo è di sapere dove si ferma questa serie.”

J. Lacan, “Giornata di sciopero”, La Psicoanalisi, n. 52, p 11

A cosa serve la psicoanalisi oggi? A cosa gli psicoanalisti? Lacan dà subito un indirizzo: il fare insieme della psicoanalisi non è dell’ordine del collettivismo dei sindacati. Non è un fare insieme nel senso di associazione volta a proteggere i diritti e gli interessi lavorativi collettivi. Il fare insieme, che rimanda alla serie, è dell’ordine matematico. Un insieme, in matematica è un qualsiasi raggruppamento di elementi che soddisfa le seguenti caratteristiche:

  • è possibile stabilire senza dubbio se un elemento appartiene all’insieme;
  • gli elementi dell’insieme devo essere tutti distinti tra loro.

Il testo citato prosegue con la chiamata in campo dell’etica: “L’etica non è la stessa in ogni discorso ed è forse per coloro ai quali l’etica sarebbe riuscita altrove, che l’analisi non riesce”1. L’etica della psicoanalisi non ha di mira il bene supremo né la felicità; l’etica del discorso psicoanalitico ha a che fare con l’azione intrisa del desiderio inconscio articolato con il simbolico e il godimento. L’etica psicoanalitica presuppone la scena inconscia, la sua Legge, e l’al di là del principio di piacere.

Con l’attenzione all’etica, Lacan mette in secondo piano la questione della tecnica burocratizzata. Tenta un superamento del ricorso disangosciante alla tecnica, al protocollo, al si fa così universalmente. Da poco il nuovo codice deontologico ripropone, per gli psicoanalisti, questo binario: il tecnicismo, il discorso del padrone, prende campo asfissiando la questione etica psicoanaliticamente intesa. Come e cosa è possibile “fare insieme” dinanzi a questa revisione del codice?

______

[1] J. Lacan, “Giornata di sciopero”, in La Psicoanalisi, n° 52, p. 11.